Congresso Regionale Cisl Abruzzo e Molise

Crescita, lavoro, sociale: sono alcuni temi che saranno al centro del dibattito congressuale che si svolgerà in questi mesi sia nelle strutture orizzontali che verticali della CISL Abruzzo, un iter che si concluderà il 29 e 30 aprile con il congresso regionale, a Vasto all’Hotel Plaza, insieme alla CISL del Molise.

 

Questo percorso sarà, inoltre, incentrato sul cambiamento della organizzazione a seguito della riforma organizzativa e sugli accorpamenti delle strutture regionali dell’Abruzzo con quelle del Molise. Una autoriforma interna che gli iscritti alla Cisl richiedono, non solo alle forze sociali ma anche  alla politica, alle istituzioni, viste le condizioni economiche e sociali dei due territori, preoccupanti e difficili,  le sfide del cambiamento delle due realtà regionali e la crisi del federalismo.

 

“In un momento come questo è importante costruire le fondamenta di  un’organizzazione più forte ed efficiente per garantire una migliore tutela dei lavoratori, degli anziani, dei disoccupati, degli immigrati e dei giovani, dichiara il Segretario della CISL Abruzzo, Maurizio Spina. Questa esperienza di riorganizzazione delle due Unioni regionali ha come obiettivo finale quello di  rendere più efficace l’azione sindacale sul piano contrattuale e concertativo. Una sfida che non deve trascurare la centralità della tutela, il coinvolgimento degli iscritti e la valorizzazione negli organismi associativi dei delegati, delle RSA e delle RSU. Con questo piano di lavoro organizzativo, definito “cantiere aperto”, si vuole una CISL rinnovata e rafforzata nella azione di rappresentanza avvicinando l’associazione ai posti di lavoro e ai territori.”

 

Al Congresso della CISL Abruzzo, a cui prenderà parte il Segretario Generale della CISL, Raffaele Bonanni, ed il Segretario Organizzativo Confederale, Paolo Mezzio, parteciperanno 200 delegati in rappresentanza di circa 110 mila di iscritti in tutta le Regione.

Share